<link rel="stylesheet" href="//fonts.googleapis.com/css?family=Roboto%3A400%2C400i%2C700">Validità del durc per pagamento fatture nel 2019 — durata 180 giorni e 6 mesi
Validità durc 2019

VALIDITÀ DURC 2019: TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE!

Articolo dettagliato e chiarificatore sul significato del  Documento Unico di Regolarità Contributiva.

Chiarimenti su cosa è nel dettaglio, sulla sua durata e sulla sua validità.

Elenco chiaro e dettagliato di tutte le funzioni che si possono espletare con la durc.

Intro

Andiamo subito al dunque e cerchiamo di dare una definizione di Durc, visto che spesso capita di fare molta confusione sull’argomento, soprattutto per un problema di disinformazione.

Per spiegarlo ci dobbiamo riferire a quel tipo di certificato, per la precisione documento unico di regolarità contributiva, che risulta assolutamente indispensabile e utile per privati e attività societarie, che hanno intenzione di candidarsi per aggiudicarsi determinate gare di appalto e subappalto su lavori pubblici.

Durc: la definizione e le sue funzioni

Spesso leggiamo di validità durc appalti pubblici ma questo documento è  utile e serve per altre cose, che andremo a vedere nel prossimo elenco:

  • Inizio e stesura di un contratto;
  • Attestati che sono legati al SOA;
  • Lavori svolti da privati e che sono soggetti al vincolo del rilascio della DIA e di un permesso edilizio;
  • Stato e avanzamento di un determinato lavoro e liquidazione conclusiva e infine ricordiamo la validità del durc per pagamento fatture.

Lo scopo principale

Per fare una sintesi possiamo dire che questo tipo di certificato ha come scopo principale quello di attestare e confermare che la società e l’azienda in questione sta seguendo con scrupolo e attenzione i parametri, che le daranno la possibilità di essere considerata in regola.

Cioè deve aver onorato tutti gli obblighi economici aver rispettato e seguito tutti gli adempimenti sia previdenziali che assicurativi, che assistenziali e anche tutte le regole previste dalla legge e collegati alle casse edili, all’Inail e all’Inps.

La durata

Per quanto riguarda la durata ricordiamo che se tra la prima attivazione contrattuale e i successivi pagamenti ci sia una pausa di 6 mesi, bisogna richiedere un durc nuovo al termine appunto di questo periodo.

Per questo in tanti articoli leggiamo validità durc 180 giorni in quanto è un parametro importante e non si può dimenticare o sottovalutare.

Le novità

Quest’anno in merito al il Documento Unico di Regolarità Contributiva ci saranno delle cose nuove soprattutto relative al modo nel quale bisogna richiedere questo documento, nel senso che bisognerà farlo solo in maniera telematica e rapida tramite posta certificata pec.

Questa richiesta potrà essere fatta anche dai privati ma non tramite autocertificazione e questo farà si che le certificazioni rilasciate dalle casse edili non abilitate non saranno valide. 

Per quanto riguarda l’autocertificazione si potrà fare solo se ci si riferisce  a operazioni economiche che non superino i 20 mila euro.

Validità durc appalti pubblici

Chi lo dovrà richiedere obbligatoriamente e come dovrà muoversi

Molto importante risulta sapere come fare a chiedere in maniera pratica questo importante certificato e soprattutto chi è vincolato a doverlo richiedere.

Per quanto riguarda questo ultimo aspetto andremo a vedere nella prossima tabella:

le categorie di lavoratori e persone che dovranno fare la richiesta del Durcchi non deve invece farlo
chi lavora in autonomia;

che ha al suo servizio dei dipendenti;

che ha un business o attività che non prevede l’inserimento a un albo;

che però sono soggette a versare contributi a Inail e Inps: questa regola è stata stabilita dall’articolo 1 del decreto del Ministero del lavoro.

Chi lavora in proprio ma in maniera non continuativa,  non dovrà richiederlo se il suo reddito annuale non supera i 5 mila euro, in quanto le ritenute previdenziali e assistenziali vengono versate in maniera diretta, dai committenti alla gestione separata inps, per la quota del lavoratore.
Risulta obbligatorio richiederlo per un libero professionista (però se egli è inserito nelle casse volontarie e non sarà vincolato alla gestione Inps e Inail non potrà averlo attraverso  lo sportello unico previdenziale, ma dovrà chiedere un certificato di regolarità contributiva alle casse previdenziali di appartenza).
Questo certificato è indispensabile sia per attivare un contratto e sia per pagare le parcelle del professionista.
Il certificato Durc non va richiesto nemmeno dai collaboratori continuativi e coordinati per lo stesso motivo di chi lavora in maniera autonoma ma non continuativa: infatti sarà il datore di lavoro che verserà le ritenute previdenziali e assistenziali dei suoi dipendenti

Validità durc 180 giorni

Il modo di fare la richiesta

Per quanto riguarda il modo di fare la richiesta bisogna segnalare che da luglio 2015 va fatta la richiesta compilando un modulo direttamente online e il rilascio, salvo imprevisti o problemi tecnici, avviene in maniera molto rapida.

Per effettuare l’operazione bisognerà navigare nei portali web dell’Inps o dell’Inail, nella situazione nella quale le aziende e gli intermediari possiedono l’utenza concessa da uno di questi enti per le varie attività online, oppureattraverso lo sportello previdenziale e unico: in questo ultimo caso quando l’utente entrerà nel sito dovrà guardare con attenzione le istruzioni aggiornate su come entrare e usare il servizio richiesto.

Tu che leggi l’articolo avevi mai sentito parlare di Durc?
RISPONDERE

Quando si presenta la domanda in modalità online bisognerà inserire il cf della persona che vuole il Durc ed anche l’indirizzo Pec, dove si potranno leggere tutte gli aggiornamenti legati alla domanda effettuata.

Se la persona che fa la richiesta risulterà in regola con tutti i parametri richiesta riceverà entro 4 mesi il certificato in formato pdf, se invece l‘esito sarà negativo la persona o l’azienda che ha richiesto riceverà tramite e mail i motivi di ciò e se riuscirà a risolvere i problemi emersi in 2 settimane potrà avere il Durc entro 48 ore.

Quanto dura, quanto vale

Molti giustamente si chiederanno quanto è la durata di questo importante documento e la risposta è varia perché dipende da diversi fattori.

Se per esempio questo documento serve per i lavori edilizi privati la durata di 4 mesi mentre durerà 30 giorni in caso di rilascio per usufruire dei privilegi contributivi e normativi, che sono erogati da enti differenti da Inail e Inps per beneficiare di agevolazioni, sovvenzioni e finanziamenti.

Esso dura 90 giorni in tutta una serie di casi:

  1. Iscrizione e inserimento di un albo di fornitori;
  2. Verifica della regolarità e correttezza della dichiarazione sostitutiva;
  3. Attivazione contrattuale e aggiudicazione;
  4. Prestazioni collegate a varie operazioni e servizi, come per esempio le fatture;
  5. Acquisto di vari servizi e beni attraverso il metodo definito come diretto affidamento;
  6. Attestato e certificazione SOA.

Il certificato Durc verrà rilasciato dalla cassa competente nel territorio per quella specifica azienda che ha affermato di avere operai e di mettere in pratica il CCN edile.

Validità DURC infografica

Chi lo rilascia

Invece se ha tra i dipendenti solo impiegati e tecnici lo dovrà richiedere alla commissione paritetica e nazionale delle casse edili: negli altri casi invece ci si dovrà rivolgere direttamente a inps o inail.

Quindi come abbiamo visto questo certificato ha una grande importanza in quanto può essere utile per una lunga serie di cose e quindi conviene a tutte le aziende e liberi professionisti rivolgersi a un commercialista per valutare insieme la propria singola situazione.

Tu che leggi l’articolo e hai richiesto questo certificato hai avuto difficoltà?
RISPONDERE
Francesca Lombardi / Caporedattore
Le è piaciuto questo articolo? Condividelo con I suoi amici , per favore
Classifica
( 2 , average 5 from 5 )
Finanzaitalia.net
Commento: 4
  1. Giuseppe

    Buongiorno. Sono il titolare di un’azienda e ho bisogno di fare richiesta del Durc, a chi mi devo rivolgere?

    1. Francesca Lombardi (автор)

      Buongiorno Giuseppe. Dal 2015 è possibile Richiedere il Durc online dal sito ufficiale dell’Inps o dell’Inail

  2. Giuseppe

    quanto tempo ci vuole per ottenerlo?

    1. Francesca Lombardi (автор)

      La procedura online è molto rapida quindi in pochi giorni potrà disporre del documento da lei richiesto

Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:
Cliccando sul bottone "Pubblica il commento", io accetto il trattamento dei dati personali e autorizzo la presente politica della confidenzialità.

Privacy Preference Center

      Necessary

      Advertising

      Analytics

      Other