<link rel="stylesheet" href="//fonts.googleapis.com/css?family=Roboto%3A400%2C400i%2C700">Ultime novita sulle pensioni — le pensioni anticipate e le pensioni per i dipendenti pubblici
Ultime novita sulle pensioni

ULTIME NOVITA SULLE PENSIONI — GLI AGGIORNAMENTI E LE POSSIBILI PROSPETTIVE PER IL FUTURO

Le ultime notizie relative ai possibili cambiamenti sulle pensioni che sono all’interno delle nuove manovre finanziarie.

Chiarimenti sulla pensione di cittadinanza e sui requisiti per quella che si definisce uscita anticipata o pensione precoce.

Vediamo cosa si intende per quota 100, un nuovo provvedimento atteso da tante persone!

Parte introduttiva

Uno dei temi che appassiona di più gli italiani in questo momento storico è sicuramente legato alle pensioni, soprattutto le ultime novita sulle pensioni dipendenti pubblici e la cosa non è strana.

Infatti questo aspetto preoccupa sia i più giovani che, vista la situazione economica e politica italiana che risulta essere abbastanza incerta, confusa e work in progress, non riescono a immaginare un futuro stabile e che abbia come conclusione nel percorso lavorativo la meritata pensione.

I cambiamenti sulle pensioni: cosa sta succedendo in queste settimane

Ma queste preoccupazioni riguardano anche le persone che sono più avanti con l’età e che non sanno per certo quando potranno andare in pensione e poter godere del meritato riposo, dopo anni di duro lavoro.

Ma è anche vero che grazie alle nuove manovre finanziarie qualcosa di nuovo e di positivo forse si sta muovendo e quindi andremo a vedere in questo articolo le ultime novita sulle pensioni precoci e su tutti gli altri aspetti collegati ad esse.

La quota 100

Una delle misure più attese riguarda le pensioni definite quota 100.

Attraverso questo meccanismo una persona, un lavoratore può andare in pensione in anticipo ma solo nel caso in cui sommando il numero della loro età anagrafica e gli anni totali nei quali ha versato i contributi, si raggiunga come numero il cento.

Da qua la denominazione quota 100.

Visto che però tutta la coalizione di governo ha la quasi certezza che a questo tipo di formula vogliano aderire tantissime persone, tanti lavoratori e forse anche troppi, hanno deciso di mettere dei requisiti e dei paletti, in quanto se ci fosse una risposta di massa troppo esagerata ci sarebbero difficoltà di gestione, non facilmente risolvibili.

Uno dei paletti più importanti

Ed anche uno dei più discussi riguarda sicuramente l’età, nel senso che chi vuole aderire a questa possibilità dovrà avere compiuto 62 anni: se avrà un’età inferiore non potrà aderire a questa possibilità.

Inoltre si sta discutendo su un’altra possibilità che per i lavoratori che la sceglieranno potrebbe essere molto allettante e cioè avere un incentivo, un aumento del 33% sullo stipendio di chi, pur avendone i requisiti, rinuncerà alla possibilità della quota 100.

Questa riforma andrà in vigore da aprile 2019 e sarà in vigore in via sperimentale per 3 anni e poi dovrebbe subentrare la riforma quota 41, che andremo ad analizzare nel prossimo paragrafo.

Quota 41: cosa prevederà tra 3 anni?

Uno dei primi propositi annunciati dal nuovo governo Di Maio, Conte e Salvini, in carica da circa un anno, era in campo pensionistico quello di superare la legge Fornero, che secondo loro era stata deleteria.

Ma si sono resi quasi subito che sarebbe stato impensabile in maniera troppo rigorosa e veloce ma bisognava trovare una strada graduale e che non andasse a mettere troppo in difficoltà le casse dello stato.

Quindi si è deciso di iniziare con la riforma della quota 100, della quale abbiamo parlato nello scorso paragrafo, mentre tra 3 anni si dovrebbe partire con la quota 41.

Ultime novita sulle pensioni precoci

Diminuire la quantità di contributi

Questa riforma è stata pensata sulla base del fatto che sarebbe necessario diminuire la quantità di contributi utili per andare in pensione in maniera anticipata: grazie ad essa si potrebbe andare in pensione dopo aver versato i contribuiti per quarantuno anni e questo varrà per tutte le categorie di lavoratori e non solo per alcune.

Il suo funzionamento è assolutamente simile alla formula che era presente prima della riforma fornero.

Fino al 2011 infatti si poteva andare in pensione anticipata con una somma di 40 anni di contributi e poi la Fornero aveva deciso che dal 2021 in poi a questo tempo bisognava aggiungere altri 3 anni e mezzo.

Cosa pensi della quota 41?
RISPONDERE

I lavoratori che hanno diritto a questo privilegio

Invece il nuovo governo con la riforma quota 41 vuole portare il tempo a 41 anni per tutti i lavoratori: ora nella prossima tabella andremo a vedere quali sono i lavoratori che hanno diritto in questo momento a questo privilegio che si vorrà estendere a tutti nello spazio di 3 anni!

Categorie che hanno svolto lavori  molto pesantiLe persone che hanno iniziato il loro percorso lavorativo prima dei 19 anni, con un anno di contributi onoratiLavoratore che ha un livello di invalidità superiore al 74 per cento
Le persone disoccupate e che non percepiscono nessun indennizzo da almeno 90 giorniIl lavoratore iscritto alla lista di previdenza obbligatoria da prima del 1996Un caregivers che da almeno 180 giorni si sta occupando di un parente che ha una disabilità importante

Ma dal 2022 il governo vorrà estenderlo a tutti questo provvedimento e dovrebbe essere, anche se non c-è niente di certo, fattibile da chi ha 41,5 anni di contributi e senza limiti di età e infine bisogna dire che le pensioni dovrebbero essere modificate anche in base all’aspettativa di vita.

Cioè ci saranno aumenti di 180 giorni ogni 24 mesi.

Come sarà calcolata la pensione quota 41?

Sempre parlando delle ultime novita sulle pensioni anticipate e riguardo la pensione quota 41 essa come abbiamo detto si riferisce agli anni di contribuiti versati dalla persona che ha lavorato e richiede questa pensione e quindi non si andrà a vedere l’eta.

Per quanto riguarda il calcolo si effettuerà il calcolo degli anni e se si arriverà a 41 anni e 6 mesi si potrà fare la richiesta.

Segnaliamo infine che in questi anni di contributi si potranno includere quelli che vengono definiti figurativi, che sono quelli che vengono accreditati o in maniera automatica o su domanda del lavoratore in alcuni casi come nel caso della cassa integrazione.

Infine andiamo a vedere come funzionerà la pensione di cittadinanza per i cittadini!

Ultime novita sulle pensioni dipendenti pubblici

Chiarimenti sulla pensione di cittadinanza

Innanzitutto diciamo che la pensione di cittadinanza è uno strumento per aiutare una fascia della popolazione in difficoltà, una categoria debole e che a livello economico ha un guadagno poco considerevole e al di sotto del livello di povertà stabilito dall’Istat che è di 780 euro.

Un anziano che richede la pensione di cittadinanza non dovrà avere meno di 67 anni e se sta in coppia la quota non sarà di 780 euro, ma di 1032 euro.

Ultime novità sulle pensioni infografica

Altre informazioni sulla pensione

Nel prossimo elenco vedremo altre informazioni sulla pensione:

  • si potrà richiedere nel caso di nucleo familiare ma solo se si è tutti over 67 oppure under 67 in caso di componenti disabili;
  • inoltre il valore delle proprietà immobiliari non può essere superiore oltre i 30 mila euro, senza considerare il primo immobile;
  • Non bisogna aver acquistato una macchina nuova 180 giorni della richiesta, o una moto sopra 250 cv oppure aver comprato una nave 24 mesi prima;
  • Per quanto riguarda il valore del reddito familiare il totale non dovrà superare 6 mila euro in caso si parla di singola persona.

Tu che leggi l’articolo eri informato sulla pensione di cittadinanza?
RISPONDERE
Francesca Lombardi / Caporedattore
Le è piaciuto questo articolo? Condividelo con I suoi amici , per favore
Classifica
( 1 , average 5 from 5 )
Finanzaitalia.net
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:
Cliccando sul bottone "Pubblica il commento", io accetto il trattamento dei dati personali e autorizzo la presente politica della confidenzialità.