<link rel="stylesheet" href="//fonts.googleapis.com/css?family=Roboto%3A400%2C400i%2C700">Detrazioni fiscali a familiari a carico — reddito, assegni, autocertificazione e spese sanitarie
Detrazioni fiscali familiari a carico

FAMILIARI A CARICO 2019: COSA SI INTENDE E LE NOVITÀ DEL NUOVO ANNO

Tutto ciò riguarda anche chiaramente anche le detrazioni sui familiari ma questo non vale per i rimborsi che superano circa i 4 mila euro.

Andremo a vedere chi sono nello specifico i familiari a carico e a quanto corrispondono dal punto di vista economico le detrazioni per ognuno.

Cenni introduttivi

Alcuni argomenti che riguardono l’aspetto fiscale ed economico della vita di una famiglia sono più importanti di altri perché riguardano agevolazioni relative ai soldi e che, specialmente in un periodo storico in Italia dove ancora dal punto di vista economico è tutto molto precario e incerto, assumono ancora più peso.

Uno di questi riguarda i familiari a carico, dei quali andremo ora a dare una definizione.

Qua intendiamo ogni persona che dal punto di vista ufficiale risulta sotto il vincolo del cittadino contribuente, in quanto il suo guadagno annuale dal punto di vista del reddito non va oltre una certa cifra, stabilita dai provvedimenti legislativi.

Forse non tutti sanno che già da un bel di tempo sono partiti dei controlli e delle verifiche sulle detrazioni fiscali familiari a carico, che un cittadino ha immesso nella dichiariazione dei redditi.

Perché succede?

Questo succede sia perché ogni cittadino può scegliere se usare o il modello ordinario o quello precompilato per quanto riguarda il 730 e sia perché dipende dal fatto che l’Agenzia delle entrate abbiamo convalidato o meno i dati inseriti dal contribuente.

L’autocertificazione

Se un cittadino decide di non cambiare l’autocertificazione familiari a carico non subirà nessun tipo di controllo dagli enti preposti.

Se invece sceglierà il classico 730 ordinario, cioè il modello classico e tradizionale che viene dato al sostituto di imposta.

Cioè il datore di lavoro o l’ente che si occupa delle pensioni, sarà soggetto a una verifica e a un controllo doppio sulle informazioni inserite sia che siano integrate o rettificate.

Quali sono nello specifico

Ora andiamo nello specifico e vediamo nella prossima tabella chi possiamo considerare come familiare sotto il vincolo. Nella parte sinistra vediamo quelli che lo sono a tutti gli effetti e a prescindere.

Nella parte destra quelli che lo sono solo nel caso in cui stanno nella stessa casa del cittadino di riferimento o che usufruiscono di assegni versati da esso, ed ecco perché leggiamo spesso di assegni familiari moglie a carico.

Chi lo possiamo considerareChi lo possiamo considerare solo nel caso in cui stanno nella stessa casa
Partner con il quale non si è separati in maniera effettiva e legale;Nonni, partner con il quale si è separati dal punto di vista legale, genitori naturali o adottivi;
Figli sia di sangue o che sono stati adottati, a prescindere dalla loro situazione scolastica, anagrafe ed altro.Nipoti, genitori del partner, fratelli o sorelle o entrambi.

L’ammontare degli importi

Vediamolo e soprattutto quanto e per chi è aumentata la detrazione dei familiari a carico in base al reddito.

Quindi per quanto riguarda la detrazione dell’importo il cittadino in questione dovrà regolarsi prendendo in considerazione l’articolo 12 del Tiur.

La riduzione collegata al partner con il quale non si è separati legalmente e ufficialmente è:

  • 690 euro se il guadagno complessivo è superiore a 40 mila euro e meno di 80 mila;
  • Stessa cifra se il reddito totale di quell’anno è superiore a 15 mila euro e non supera i 40 mila;
  • 800 euro in caso di cifra che non supera i 15 mila euro.

Familiari a carico infografica

L’aumento della detrazione di 10€

Per quanto riguarda l‘aumento della detrazione è di 10 euro in 2 casi:

  1. se la cifra totale è tra 35.100 e 35.200;
  2. se la cifra tra i 29.000 e i 29.200.

L’aumento di 20€

Invece è di 20 euro se la cifra è tra 29.200 e 34.700 euro o se l’importo è più di 35 mila e meno di 35.100.

Infine sarà di 30 euro se la cifra sarà tra 34.700 e 34.999 euro.

Per quanto riguarda i figli che si hanno a carico

La detrazione sarà di circa 700 € per ognuno di loro, ma sarà di 100 € in più, e nel 2019 questa quota dovrebbe aumentare, se malauguratamente esso è disabile: la cifra sarà di 1220 euro se il bambino ha meno di 3 anni.

Se il nucleo familiare è numeroso e i figli sono più di 3 l’importo verrà aumentato di 200 euro per ognuno di loro, partendo dal primogenito.

Questa riduzione è possibile solo nella parte che corrisponde tra importo e reddito di 95.000 euro, ma nel caso in cui non c’è solo un figlio ci saranno 15 mila euro in più per ognuno.

Tu che leggi questo articolo sei tra i familiari a carico?
RISPONDERE

Come si calcola il limite di reddito

Un primo punto importante da ricordare è che inizialmente una persona per venire considerata come un familiare sotto il vincolo non doveva superare un reddito in un anno di circa 2840 euro.

Ora con la nuova legge di bilancio questa cifra resterà tale se la sua età sarà superiore ai 25 anni e invece verrà aumentata a 4 mila euro per chi ha un’età inferiore.

Quando si fa il calcolo del limite per il reddito a familiare, sono due quelli da non considerare:

  1. Le persone che sono soggette a un tipo di tassazione separata;
  2. Quelli definiti assoggettati a imposta sostitutiva.

Assegni familiari moglie a carico

Invece nel prossimo elenco andremo a vedere insieme quali sono le voci che invece vanno considerate per il calcolo del limite:

  • Le possibili cifre stanziate da determinati enti quali consolati, organizzazioni internazionali e istituti religiosi;
  • Fatturato legato al lavoro indipendente e che è soggetto all’imposta sostitutiva di chi paga i contributi al minimo;
  • Fatturato dei fabbricati determinato dalla cedolare collegata alle locazioni;
  • La cifra che si toglie dai redditi del lavoratore dipendente, che ha prestato servizio in paesi vicini all’Italia.

I figli a carico

Per quanto riguarda i figli, ricordiamo che la detrazione andrà divisa a metà nel caso di madre e padre non separati legalmente e se essi si mettono d accordo si può far si che vada, a quello tra i due che guadagna di più annualmente.

Se i due partner si separano

O se il matrimonio viene sciolto consensualmente andrà a chi dei 2 otterrà l’affidamento dei figli oppure metà a testa se l’affidamento è congiunto o condiviso.

Se uno dei 2 non può averla perché ha superato la soglia di reddito la detrazione andrà all’altro genitore.

Spese sanitarie per familiari non a carico

Infine per quanto riguarda le spese sanitarie per familiari non a carico, ricordiamo che un contribuente potra scaricare circa il 19 per cento delle spese mediche, fatte per un familiare che non è sotto il vincolo e che soffre di una patologia rara o di malattie croniche e che procurano invalidità.

Prima di leggere questo articolo che conoscenza avevi sull’argomento?
RISPONDERE
Francesca Lombardi / Caporedattore
Le è piaciuto questo articolo? Condividelo con I suoi amici , per favore
Classifica
( 1 , average 5 from 5 )
Finanzaitalia.net
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:
Cliccando sul bottone "Pubblica il commento", io accetto il trattamento dei dati personali e autorizzo la presente politica della confidenzialità.