<link rel="stylesheet" href="//fonts.googleapis.com/css?family=Roboto%3A400%2C400i%2C700">Nuovo Coronavirus COVID-19: l’Italia risponde con il blocco totale
Coronavirus covid-19

COVID-19: IL BLOCCO TOTALE DELL’ITALIA

Nella notte tra sabato e domenica 8 marzo, è stato diffuso il decreto che ha dato il via ad una stretta importante relativa alle attività consentite.

Con l’obbiettivo di ostacolare la propagazione del Coronavirus, è poi seguita una seconda ordinanza, dopo 3 giorni, con la quale si prevedono strategie di contenimento aggiuntive a titolo straordinario fino a fine mese.

Questo è un riassunto molto conciso di quanto è accaduto dal punto di vista decisionale.

Ma, nella realtà, quanti sono i contagiati? Cosa sta accadendo all’interno delle nostre città? Quali servizi sono accessibili ai cittadini? Ci ritroveremo senza cibo? Tra quanto tempo finirà quest’epidemia? Per il Coronavirus, la cura è stata trovata?

Cerchiamo di rispondere a queste e a molte altre domande.

D.P.C.M. 11 marzo

L’ultima disposizione del Presidente del Consiglio ha previsto soluzioni restrittive aggiuntive, la cui validità copre l’arco temporale che va dal 12 al 25 marzo. Stavolta, però, l’applicazione copre il comprensorio nella sua interezza al fine di assicurare l’uniformità nell’attuazione delle disposizioni straordinarie.

Nello specifico, ha dichiarato sospese molte attività (per i dettagli, si veda la tabella).

Restano a discrezione dei Governatori di ogni singola regione e del Ministero dei Trasporti le eventuali variazioni, riprogrammazioni, riduzioni e soppressioni del trasporto su treno, aereo, via mare e in auto interregionali, con l’imposizione, però, di mantenere solamente quelli ritenuti essenziali.

È ratificato, inoltre, lo slittamento di alcune scadenze fiscali per l’annualità in corso.

Servizi garantiti

Al fine di non creare difficoltà alla popolazione, che è invitata a rimanere in casa per ostacolare il propagarsi del contagio, non gravano restrizioni sulle aziende che forniscono prodotti e servizi indispensabili alla vita quotidiana.

SINO
Generi alimentari e prodotti di primaria necessitàCommercio al dettaglio
Mense e catering aventi in essere contratti continuativiRistorazione
Servizi Bancari, finanziari, assicurativiVari Servizi rivolti alle persone
Produzione di beni nel settore agricolo e zootecnico compresa la trasformazione agroalimentare
Consegna a domicilio di pasti pronti

È possibile accedere ai suddetti servizi con un idoneo comportamento però e facendo attenzione.

Nuovo coronavirus 2020

Cosa cambia?

Relativamente all’epidemia di Coronavirus, dagli aggiornamenti si evince che quanto entrato in vigore il 9 marzo sarà valido fino al 3 aprile 2020. Se dovesse verificarsi una qualche incompatibilità con il documento più recente, avranno valore le prescrizioni descritte in quest’ultimo.

Inoltre, vengono eliminate le zone inizialmente definite rosse e la nuova ordinanza viene applicata indistintamente a tutto il comprensorio: sarà valida per ogni regione, provincia, città, comune.

Si sollecitano tutti i cittadini a restare nelle proprie abitazioni e le strade sono presidiate dalle auto delle forze dell’ordine incaricate di effettuare i dovuti controlli.

Hai difficoltà nel reperire i beni di prima necessità?
RISPONDERE

È ammesso spostarsi ma richiesto l’autogiustificativo per:

  • Recarsi a lavoro quando è impossibile svolgere le proprie mansioni telematicamente;
  • Motivi di salute gravi e/o somministrazione di terapie continuative per malattie croniche;
  • Fare le spese relative a beni di primaria necessità e approvvigionamenti indispensabili;
  • Cura di colonie feline, canili e randagi.

È imposto il divieto tassativo di uscire a coloro che sono positivi o in stato di quarantena.

Già dal 9 marzo, non è più possibile trasferirsi presso la propria casa vacanze per trascorrere questo periodo ovvero presso una dimora in cui non si ha ne residenza ne domicilio.

Coronavirus Covid-19 infografica

Trasporti

Non sussistono dei limiti relativamente al transito delle merci: trasportatori e conducenti possono spostarsi per le consegne e i prelievi dei carichi, osservando sempre le indicazioni di sicurezza.

Anche i corrieri sono autorizzati a circolare liberamente e ad effettuare le consegne.

Lavoro

Le soluzioni da remoto devono essere incentivate, quando praticabili, sia nel settore pubblico che nella PA. Ne è prevista l’implementazione fino al termine delle contromisure straordinarie ovvero fino al 25 marzo (salvo proroghe).

Se il titolare dell’attività, o chi per esso, non è nella condizione di fornire i mezzi, il dipendente può impiegare i supporti di proprietà per portare a termine regolarmente le mansioni attraverso lo smartworking.

Qualora questa soluzione non sia praticabile, lo stesso datore di lavoro è nella facoltà, indipendentemente da precedenti programmazioni, di decidere che vengano sfruttate le ferie accumulate in passato mentre si attendono le prossime novità.

Si autorizzano anche gli interventi di riparazione a titolo straordinario e non posticipabili presso abitazioni ed edifici.

Istruzione

Il blocco è anche per le attività didattiche e formative in classe: tutte le strutture resteranno chiuse sicuramente fino al 3 aprile.

Resta possibile il loro svolgimento online, tenendo presenti, soprattutto, i bisogni peculiari degli studenti disabili.

Per quanto riguarda prove d’esame e lauree, potranno svolgersi dando la preferenza all’online o adottando gli accorgimenti igienico-sanitari ed organizzativi già noti se è richiesta obbligatoriamente la partecipazione fisica dell’interessato; nel caso sia possibile optare per l’online, si applicheranno le misure indispensabili atte a garantirne la validità.

Ricevimenti, corsi di dottorato, test di immatricolazione, partecipazione a laboratori, saranno svolti rispettando le misure anti-contagio, dando sempre priorità all’online.

Inoltre, sono temporaneamente annullate anche tutte le attività rivolte ai minori di ogni età.

Cerimonie, eventi e attività a scopo ricreativo

Si spostano manifestazioni ed eventi che si tengono normalmente sia in luoghi pubblici che privati.

Non sono permessi eventi a carattere culturale, a scopo ricreativo, di tipo sportivo, e nemmeno le fiere di settore (per fare alcuni esempi, resteranno chiusi cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale gioco, sale scommesse e bingo, discoteche e simili).

Non sarà possibile svolgere funzioni religiose (nemmeno i funerali).

Si sospendono la celebrazione della messa per i cattolici e tutti i riti appartenenti a qualsiasi religione.

I luoghi di culto resteranno aperti ed è permesso frequentarli, non creando sovra affollamento e a condizione che i credenti stiano sufficientemente distanti tra loro.

 Coronavirus ansa

Situazione al 16/03/2020

Sono quasi 30.000 gli infettati totali in Italia, inclusi i deceduti, i guariti e gli attuali positivi.

Nonostante l’assalto ai supermercati, i rifornimenti sono stati rapidi e non sussistono motivazioni reali che possano portare a pensare che resteremo senza viveri.

In via sperimentale, si sta testando un farmaco utilizzato normalmente per l’artrite, il Tocilizumab, e sembra che stia portando dei risultati positivi nei processi di guarigione da COVID-19.

Ad oggi, è praticamente impossibile predire quando finirà quest’epidemia.

Per far fronte all’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus, l’ansa e gli altri canali di informazione riportano la notizia secondo la quale si stanno creando nuovi posti letto in strutture prese a prestito (come i padiglioni della fiera di Milano) e assumendo nuovo personale medico e sanitario.

In data odierna, è stato approvato il “Decreto Cura Italia” a sostegno delle famiglie, delle imprese e dei lavoratori.

È possibile visualizzare la situazione aggiornata in tempo reale ai seguenti link:

Come fai per fare la spesa?
RISPONDERE
Francesca Lombardi / Caporedattore
Consulente fiscale con 6 anni di esperienza. Laureato all'Università degli Studi di Milano.
Le è piaciuto questo articolo? Condividelo con I suoi amici , per favore
Classifica
( 1 , average 5 from 5 )
Finanzaitalia.net
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:
Cliccando sul bottone "Pubblica il commento", io accetto il trattamento dei dati personali e autorizzo la presente politica della confidenzialità.