<link rel="stylesheet" href="//fonts.googleapis.com/css?family=Roboto%3A400%2C400i%2C700">Codice tributo 3961 IMU — significato, a cosa corrisponde, chi deve pagare la TASi e come compilare l'F24
Codice tributo 3961

CODICE TRIBUTO 3961: TUTTO QUELLO CHE BISOGNA SAPERE

Esistono determinati argomenti  in tema fiscale e burocratico che a volte vengono sottovalutati dalle persone o che non vengono compresi bene,anche a volte per colpa della disinformazione presente sul web.

Andremo pertanto a trattare un argomento importante, ovvero il codice 3961, il quale fa riferimento all’imposta TASI per gli immobili posseduti non risultanti come prima abitazione.

Intro

Infatti, come purtroppo tutti sappiamo, nonostante Internet sia un mezzo straordinario in quanto ha cambiato il modo di fruire l’informazione, a volte presenta dei problemi di disinformazione o di informazione errata.

Una persona che conosce bene questo strumento deve essere quindi brava a discernere cosa legge e le fonti a cui si rivolge:questo discorso vale soprattutto per argomenti di tema fiscale, burocratico ed economico.

Infatti accedere a informazioni errate su questi argomenti può portare a conseguenze negative in termini sia economici che di vita quotidiana.

Cosa significa e quando scade

Parlando di questo codice, esso identifica la tipologia di valore quando si deve calcolare l’importo che ogni cittadino inserisce nella compilazione dell’F24, poiché si riferisce alla tassa di tipo comunale sui costi sostenuti per i servizi che vengono predisposti.

Bisogna anche considerare che il codice 3961 non ha a che fare esclusivamente con la seconda abitazione, ma anche eventualmente con gli altri immobili di proprietà del cittadino.

Per esempio se questi ha un laboratorio dove esprime una sua passione, un ufficio per qualunque motivo o un qualunque altro fabbricato, sarà tenuto al pagamento della Tasi.

Cosa si intende letteralmente per TASI?

È la Tassa sui Servizi Indivisibili, ovvero l’insieme indivisibile di tutti i servizi dei quali potrebbe usufruire ogni singolo cittadino, ma dei quali non si può fare un calcolo specifico di quali potrà usufruire.

Possiamo vedere vari esempi in merito: potremmo citare i lavori di manutenzione che il Comune fa nelle strade per mantenerle sempre sicure e funzionali per i cittadini. Oppure potremmo nominare il servizio di illuminazione pubblica, che è un servizio indispensabile per non lasciare le strade al buio.

Dove va scritto il codice?

Il codice tributo f24 3961 va scritto sia nel modulo relativo all’acconto e sia nel modulo relativo al saldo e questo va assolutamente ricordato.

Molte persone si fanno insistentemente una domanda: quando l’immobile risulti in affitto, a chi tocca il pagamento della Tasi?

La risposta non così semplice, la fornisce la Legge sulla Stabilità con le sue novità del 2019.

In teoria dovrebbero pagarla entrambi, ma in realtà l’inquilino è tenuto al versamento di una cifra che comprende solo il 10 o massimo 30% dell’importo complessivo e se previsto palesemente dal proprio Comune dove si risiede.

La legge n. 208 – 2018 chiarisce infatti che l’inquilino non sia tenuto a pagare questa quota della Tasi, quando appunto l’abitazione nella quale vive risulti principale.

Codice tributo 3961 a cosa corrisponde

Le categorie del catasto A1, A8 e A9

Quando invece l’immobile in questione risulta nella categoria delle abitazioni di lusso, in questa situazione rientra nelle categorie del catasto A1, A8 e A9 – in questi casi invece la quota di TASI dovrà essere pagata nella misura sempre di percentuale tra il 10 e il 30.

Se l’immobile invece vede la presenza di più proprietari, questi in maniera solida e completa dovranno pagare l’obbligazione.

Il commercialista dovrà organizzare e preparare un modello F24 unico e al pagamento provvederà un solo proprietario, che poi si metterà d’accordo con gli altri.

Molto importante è ovviamente l’aspetto delle scadenze che vanno conosciute e rispettate evitando così di incorrere in sanzioni economiche e inutili.

Il periodo riferito alla scadenza della TASI per l’anno 2019, sia che concerna l’acconto o il pagamento in un’unica soluzione, inserendo i codici 3918 e 3961 è entro e non oltre il 17 giugno.

Avendo scelto la soluzione dell’acconto, provvedere al pagamento del saldo, ha la scadenza nella data del 17 dicembre del 2019.

Chi legge l’articolo è propretario di una seconda casa?
RISPONDERE

Codice tributo 3958 e 3961: cosa significa?

Molte volte si legge sui siti o sui giornali stringhe che parlano di codici tributo 3958 e 3961 e tanti si chiedono cosa siano.

Si riferiscono infatti alla Tasi e sono presenti nel sito dell’Agenzia delle Entrate e nella tabella che segue vengono elencati tutti i codici con relativo riferimento:

CODICERIFERIMENTO
3958Si riferisce all’abitazione ad uso principale
3959Riferito ai fabbricati rurali ad uso strumentale
3960Riguarda le aree fabbricabili
3961Seconda casa e altri fabbricati
374ETasi, fabbricati rurali uso strumentale
375ETasi, aree fabbricabili
376ETasi altri fabbricati
377ETasi e interessi
378ETasi e sanzioni

Codice tributo 3961 infografica

TASI 2019: come si calcola

Vediamo in maniera dettagliata il conteggio da effettuare. Non risulta molto difficile in quanto è legato allo stesso procedimento che si fa per l’Imu.

Nel prossimo elenco vedremo ogni singolo passaggio:

  • La prima cosa da fare è prendere in considerazione il valore catastale dell’immobile;
  • Il secondo step è semplice: al valore catastale dell’immobile si aggiunge il 5%;
  • A questo punto viene applicata l’aliquota stabilita dal Comune dove si trova l’immobile in questione: ogni Comune può liberamente decidere quale sarà la nuova aliquota TASI e, da quest’anno, potrebbe anche aumentare;
  • Infine ricordiamo che di questa imposta la metà va versata per metà come acconto e l’altra metà come saldo, nelle date che abbiamo ricordato in precedenza.

Per pagare ci sono due soluzioni:si può o pagare con un bollettino Tasi, oppure si potrà compilare il modello F24.

Come fare il pagamento

Dimenticare di pagarla o facendolo in ritardo, significa essere colpevoli di omissione e pertanto bisognerà provvedere a riparare. Esiste infatti il ravvedimento operoso: una misura che riduce le sanzioni previste, premiando il cittadino che appunto si ravvede e provvede a pagare spontaneamente.

Questa possibilità viene offerta a chi ammette il suo errore prima delle verifiche dell’Agenzia delle Entrate e perciò mandi una lettera e missiva per accertarsene.

Chi usufruisce di questo privilegio e premio provvederà al pagamento dell’imposta omessa, della sanzione prevista in questo caso ridotta e degli interessi al tasso legale.

Ogni cittadino può anche calcolare in maniera autonoma sia la sanzione che gli interessi, poiché l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione uno specifico programma compatibile con qualsiasi tipo di sistema operativo.

I codici utili a compilare correttamente l’F24

  • Riguardo la TASI omessa, 3961;
  • Sanzione ridotta, 3963;
  • Interessi, 3962.

Come si compila e come inserire il codice tributo 3961

Il Modello F24 serve a pagare la TASI 2019 e, pertanto si dovrà fare attenzione alla compilazione, per non commettere errori superficiali. Soprattutto dovrà stare attento a mettere i giusti codici negli appositi spazi predisposti e quindi dovrà inserire le causali seguendo alla lettera le istruzioni fornite dall’Agenzia delle Entrate.

Il codice tributo 3961 bisogna inserirlo e scriverlo nella parte inerente l’IMU o anche altri tributi di tipo locale, nella colonna corrispondente dove sono indicati gli importi. Inoltre inserire il codice catastale corrispondente al Comune ove risulta ubicata l’abitazione.

Codice tributo 3961 imu significato

Quando invece si ricorre al sistema del ravvedimento

In questo caso si dovrà sbarrare la casella Ravv.

In tale caso sarà inserito il codice 3961, sia che si tratti dell’acconto che del saldo. Sono presenti nel modello entrambe le caselle Acconto o Saldo da spuntare secondo le proprie esigenze.

Altre due cose da ricordare per l’utente, riguardano l’indicazione del numero di immobili e l’anno di riferimento da pagare, nel senso che andranno indicati entrambe le cose.

Chi legge l’articolo quale modello ha scelto per pagare?
RISPONDERE

Tasi 2019: chi pagherà nel 2019

Andiamo infine a vedere in sintesi coloro che risultano i soggetti che rientrano nella categoria di contribuenti per la TASI nel 2019, così da fornire indicazioni efficaci ai nostri lettori:

  • Chi risulta proprietario di una seconda casa o altri fabbricati;
  • Coloro che possiedono una casa definita di lusso: si intende sia per le case risultanti abitazione principale che per le annesse pertinenze, risultanti tutti appartenenti alle categorie di catasto A1, A8 e A9;
  • Le imprese edili che realizzano dei fabbricati da destinare alla vendita ma ancora non risultanti locati;
  • Case in affitto: in tale situazione, come abbiamo visto prima, il 90% del pagamento tocca al proprietario, mentre il 10% all’affittuario. Ma quest’ultima percentuale potrebbe essere diversa, considerando le decisioni individuali del singolo Comune e della giunta della città dove è situata l’abitazione.
  • Fabbricati rurali che sono destinati ad uso strumentale

Il pagamento si caratterizza per la scelta tra diverse modalità

  1. Utilizzo del modello TASI 2019 editabile, compilabile anche online;
  2. Scaricando la versione pdf dal sito dell’Agenzia delle Entrate: salvandolo sul PC ma che non può essere compilato online;
  3. Vi è anche quello semplificato che è simile ai precedenti ma avendo dei campi ridotti.
Francesca Lombardi / Caporedattore
Le è piaciuto questo articolo? Condividelo con I suoi amici , per favore
Classifica
( 2 , average 5 from 5 )
Finanzaitalia.net
Commento: 4
  1. Gianluca

    Se sono divorziato o separato e la casa in cui abitavo prima risulta di mia proprietà di 50%, ma assegnata poi dal giudice al mia ex coniuge, mi tocca il pagamento della TASI?

    1. Francesca Lombardi (автор)

      In questo caso no, perché tocca soltanto al coniuge a cui è stata assegnata.

  2. Veronika

    Quando si parla di pertinenze della prima casa a quali categorie corrispondono?

    1. Francesca Lombardi (автор)

      Risultano nelle categorie C2, C6, C7, rispettivamente cantine, mansarde, scuderie, stalle box auto, tettoie chiuse o aperte.

Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:
Cliccando sul bottone "Pubblica il commento", io accetto il trattamento dei dati personali e autorizzo la presente politica della confidenzialità.